Magnesio e Potassio
12 dicembre 2017
I Semi delle bacche di Acai
12 dicembre 2017

Le vitamine sono sostanze organiche presenti nella dieta in piccole quantità (micronutrienti) ma essenziali per il normale funzionamento dell’organismo.

Le vitamine si possono dividere in due gruppi principali, vitamine liposolubili (A, D,E, K) e idrosolubili (vitamina C e vitamine del gruppo B).

Le vitamine si trovano sia negli alimenti vegetali che in quelli animali; molte di queste sono termolabili, cioè tendono a decomporsi con il calore. In particolare le vitamine liposolubili non subiscono diminuzioni rilevanti con la cottura. Quelle del gruppo B e la vitamina C sono invece più labili al calore, alla luce e al contatto con l’acqua. Solo l’assunzione di alimenti freschi e crudi garantisce pertanto il massimo apporto di vitamine.

Nei Paesi industrializzati come il nostro i sintomi da deficit vitaminico sono piuttosto rari anche se possono verificarsi in: soggetti anziani (cattiva alimentazione, malassorbimento), alcolisti (cattiva alimentazione, epatopatia, malassorbimento), persone sottoposte a terapia anticonvulsivante cronica (deficit folati e vit. D), donne dopo ripetute gravidanze con allattamento (aumentato fabbisogno), soggetti che soffrono di gastrite atrofica (deficit produzione fattore intrinseco necessario per assorbimento B12) o seguono diete incongrue come quella vegana (deficit di vit. D e B12). In tutti questi casi gli integratori di vitamine sono molto importanti per colmare tali carenze e garantire al soggetto un efficienza fisica ottimale.

Per ogni singola vitamina esistono dei livelli di assunzione raccomandati sotto i quali è bene non scendere. Si tratta infatti di dosi piuttosto basse tranquillamente raggiungibili anche attraverso un’alimentazione non proprio corretta ma comunque varia.

Sintomi da carenza insorgono soltanto in situazioni particolarmente gravi derivanti da malattie o diete particolari protratte per lunghi periodi di tempo e prive di controllo medico

 

Utilità

Tralasciando quei rari casi in cui esiste un reale deficit di vitamine è lecito chiedersi se questi integratori siano utili anche per un soggetto “normale”.

Prendiamo ad esempio la vitamina C; gli RDA europei consigliano una dose quotidiana di 60 mg che è possibile raggiungere e superare semplicemente mangiando un kiwi di medie dimensioni.

Altri studiosi ci ricordano tuttavia che per apprezzare a pieno le proprietà antiossidanti di questa vitamina occorrerebbe assumerne ogni giorno almeno 200 milligrammi. Tali dosi dovrebbero salire secondo alcuni fino a 500-1000 mg/die. Per raggiungere simili valori è spesso necessario ricorrere ad integratori di vitamine.

In uno dei nostri tanti esempi dietetici abbiamo riportato i valori di vitamina C forniti dai vari menù. Esaminando tali dati ci accorgiamo che un’alimentazione varia ed equilibrata fornisce ogni giorno dai 50 ai 500  mg di vitamina C ogni mille calorie.

Purtroppo non tutte le persone seguono una dieta altrettanto corretta  e, pur rispettando i valori minimi di assunzione consigliati, possono aver bisogno di una integrazione vitaminica. Anche lo sport, lo stress, il lavoro intenso e patologie più o meno importanti aumentano le richieste di vitamine dell’organismo che possono essere soddisfatte ricorrendo ad integratori specifici.

 

Vitamine più importanti

La loro stessa definizione ci fa capire come ogni singola vitamina sia indispensabile per la salute dell’organismo. Esistono tuttavia alcune vitamine che meritano particolare attenzione.

In questi ultimi anni, per esempio, si fa un gran parlare di antiossidanti, sostanze presenti in particolari alimenti (soprattutto di origine vegetale) in grado di proteggerci dall’invecchiamento e da molte malattie ad esso collegate.

Le vitamine che godono di proprietà antiossidanti significative sono la A, ed in particolare la C e la E. La vitamina C si trova soprattutto in agrumi, pomodori, fragole, peperoni, broccoli e patate. La vitamina E abbonda invece nel germe di grano, negli oli vegetali, nei legumi, nel pesce e nelle verdure a foglia verde.

Associare ad una alimentazione equilibrata un integratore di queste vitamine è un buon modo per garantire la massima funzionalità del sistema immunitario proteggendo l’organismo dai danni del fumo, dell’inquinamento e di una alimentazione scorretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *