Le Vitamine in Breve
12 dicembre 2017
Che Cosa Sono gli Omega 3
12 dicembre 2017

Quando utilizzarlo

Integratore da utilizzare come coadiuvante a regimi dietetici volti alla perdita di peso per aumentare il senso di sazietà, utile inoltre in casi di Colesterolo LDL alto, per diminuire e prevenire il rischio di malattie cardiovascolari e per migliorare i livelli energetici e di concentrazione.

Cosa sono le bacche di Acai?

Le bacche di Acai sono il frutto di una palma arborea – la Euterpe oleracea, Fam. Arecaceae – che vegeta nelle foreste settentrionali del Brasile, raggiungendo altezze di oltre 20 metri.

 

Per fronteggiare le ingenti richieste dei suoi frutti, la pianta viene oggi estensivamente coltivata un po’ in tutto il Sud America.

La crescente domanda internazionale di acai ruota intorno a pressanti campagne pubblicitarie sulle presunte virtù terapeutiche di questi frutti, che a dire il vero si basano su un ristretto numero di studi scientifici.

I frutti sono denominati bacche di Acai dalla rivisitazione del termine indigeno “wasa’i” [(frutti che) piangono o spurgano acqua].

Descrizione

Il frutto di Acai è una drupa globosa dal colorito purpureo, simile a un grande acino di uva nera, ma con meno polpa e un solo seme

Come mostrato in figura, le bacche di Acai sono racchiuse in pannocchie di 700-900 elementi.

 

Semi delle bacche di Acai

Comprendenti l’80% della massa dei frutti, i semi delle bacche di Acai possono essere macinati e destinati all’alimentare del bestiame o alla concimazione delle piante.

 

Indicazioni

Quando usare bacche di Acai?

I commercianti delle bacche di Acai, e dei prodotti che ne derivano, sostengono diversi effetti benefici, tra cui:

Tuttavia, l’ipotetico effetto salutistico delle bacche di Acai è imputabile a dei fattori nutrizionali ben precisi, che hanno certamente un effetto benefico ma non miracoloso. E’ il caso delle antocianidine.

ANTOCIANIDINE PER LA SALUTE

Le bacche di Acai vantano un alto contenuto in antocianine. Questi sono degli antiossidanti tipici della frutta con tonalità rosso scure, blu e nere (ad esempio l’uva scura, i mirtilli, le more ecc).

L’uso delle bacche di Acai, associato a uno stile di vita sano e a una dieta adeguata, è concretamente raccomandato per:

Proprietà ed Efficacia

Quali benefici hanno dimostrato le bacche di Acai nel corso degli studi?

Considerata l’importante mole di pubblicazioni scientifiche relative agli effetti benefici degli antiossidanti, nonché ad alcuni reperti bibliografici sulle potenziali virtù terapeutiche delle bacche di Acai, questi frutti e i prodotti che ne derivano (succhi, estratti in capsule, yogurt, formulazioni cosmetiche ecc.) vengono spesso descritti come una sorta di panacea.

Vediamo perché.

POTERE ANTIOSSIDANTE DELLE BACCHE DI ACAI

Come nell’uva, le antocianidine, i relativi glicosidi e gli altri polifenoli delle bacche di Acai, si concentrano nella buccia, raggiungendo concentrazioni superiori a quelle dei frutti di bosco.

Il potere antiossidante complessivo delle antocianidine contenute nelle bacche di Acai è grossomodo paragonabile a quello di altri frutti, noti da tempo per le medesime virtù.

Secondo uno studio americano, il potere antiossidante globale del succo di Acai risulta inferiore a quello di:

  • Succo di melograno
  • Vino rosso
  • Succo d’uva fragolina
  • Mirtillo
  • Succo di ciliegia nera (Prunus serotina)

ma superiore a quello dei succhi di:

Altri nutrienti delle bacche di Acai

Il profilo nutrizionale delle bacche di Acai è completato dalle discrete (ma non certo eccezionali) percentuali di calcio, ferro e vitamine A e C, oltre che dalla generosa presenza di fibre e fitosteroli.

Buono anche il contenuto proteico e lipidico, con prevalenza di acidi grassi monoinsaturi (acido oleico – 56% c.a.), discrete percentuali di polinsaturi (principalmente acido linoleico 12.5% c.a.) e di uno degli acidi grassi più aterogeni, l’acido palmitico (24.1% c.a).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *